News

Crolla la spesa degli apparecchi ma cresce quella sugli altri giochi in Piemonte

By Agosto 7, 2019 No Comments

PIEMONTE: CROLLA LA SPESA DEGLI APPARECCHI MA CRESCE QUELLA SUGLI ALTRI GIOCHI

07 Agosto 2019

Nel 2016 la Regione Piemonte ha approvato una legge di contrasto al gioco d’azzardo patologico allo scopo di tutelare le fasce più deboli e maggiormente vulnerabili della popolazione.

Tra i vari aspetti considerati dalla legge sono particolarmente volti alla prevenzione della dipendenza dal gioco due articoli:

  • l’articolo 5, che vieta la collocazione di apparecchi, in particolare slot machine e video lottery, entro una certa distanza (500 metri nei Comuni più grandi) da luoghi considerati sensibili, come scuole, banche e strutture residenziali per anziani. Si tratta del cosiddetto “distanziometro”.
  • L’articolo 6 che prevede invece che i Comuni piemontesi dispongano limiti temporali al gioco per una durata non inferiore a tre ore nell’arco della giornata.

La normativa prevedeva che gli esercenti si adeguassero a quanto previsto dall’articolo 5 entro i 18 mesi successivi all’entrata in vigore della legge, cioè alla data del 20 novembre 2017.

Nel marzo del 2017 le slot machine attive erano 26.134, distribuite su 5.763 esercizi commerciali.

In media ogni esercizio aveva 4,5 apparecchi.

Nel settembre del 2018 si è registrato un dimezzamento (- 52%): gli apparecchi attivi sono 12.468, distribuiti su 1.857 esercizi (in media 6,7 apparecchi per esercizio).

Tra le provincie piemontesi la riduzione maggiore si registra in provincia di Torino, la quale passa da 12.016 a 5.249 apparecchi (- 56%).

In provincia di Cuneo nel marzo 2017 gli esercizi commerciali con slot machine e similari erano 642 con 2.643 apparecchi che nel settembre 2018 sono diventati rispettivamente 219 e 1.611

L’introduzione di una legge che mette al bando lo slot ha determinato una profonda modifica sulla spesa degli italiani per i giochi.

Nel 2018, secondo quanto rilevato dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, la spesa per slot, Vlt e apparecchi da intrattenimento in generale (oggetto delle restrizioni normative) ha registrato un calo di oltre il 21 per cento, pari cioè a 154 milioni di euro.

Contestualmente sono cresciuti altri prodotti di gioco, come Gratta e Vinci (+13,6%), Scommesse sportive (+9,7%) e scommesse virtuali (+25%).

Queste prime analisi mostrano che in concomitanza con l’attuazione delle politiche di regolazione dell’offerta del gioco d’azzardo i volumi del gioco su rete fisica e le relative perdite si sono ridotte ma nello stesso tempo è cresciuto molto il settore del gioco online.

Le puntate online hanno registrato un +18% passando da 1,37 miliardi del 2017 a 1,62 miliardi dello scorso anno secondo i dati emersi dal Libro Blu 2018 pubblicato da ADM.

Segno positivo anche per le vincite, che hanno sfiorato i 30 miliardi di euro contro i 25,5 miliardi dell’anno precedente (+16,8%).

Per entrare nel mercato del gioco online e’ importate affidarsi a professionisti, Vittoria Consulenze e’ un’azienda leader nella consulenza per l’inserimento di servizi dedicati al gioco online.

Se hai un bar, una tabaccheria o un’attività commerciale aperta al pubblico puoi offrire un il servizio di punto vendita ricarica alla tua clientela, senza costi di attivazione e spese di affiliazione.

Chiedi una consulenza gratuita!